Fitodepurazione e geomembrana impermeabile: un alternativa ecosostenibile

La fitodepurazione è un trattamento biologico secondario economico e rispettoso dell’ambiente. Vediamo insieme caratteristiche e vantaggi

La fitodepurazione è un sistema di depurazione naturale delle acque domestiche, agricole e talvolta industriali, ad opera dei microrganismi animali e vegetali che si trovano all’interno del suolo e dell’acqua. Affinchè il processo avvenga correttamente è necessario che il bacino sia impermeabilizzato con una geomebrana impermeabile, riempito con materiale ghiaioso e vegetato con piante acquatiche. La depurazione avviene attraverso l’azione combinata di batteri, funghi, alghe e protozoi che al passaggio delle acque reflue mettono in atto reazioni biochimiche degradando le sostanze inquinanti e ottenendo, al termine del processo, acqua depurata a norma di legge. Le piante forniscono l’ossigeno necessario al procedimento fungendo da veri e propri filtri biologici attivi, eliminando, quindi l’utilizzo di parti elettromeccaniche. Vantaggi e limiti della fitodepurazione.

La fitodepurazione può essere utilizzata per:

  • Reflui di insediamenti civili dove l’allacciamento alla fognatura si riveli troppo costoso per effettuare trattamenti secondari o terziari a reflui industriali o agricoli
  • in caso di trattamenti terziari da effettuare a valle di impianti di depurazione civili o misti
  • Il limite di questo processo di depurazione riguarda l’incapacità di far fronte a grossi carichi di inquinanti, come quelli provenienti da collettori fognari, che necessitano di un trattamento primario di sedimentazione come una fossa imhoff.

La nostra società si occupa di tutto il rivestimento di base atto ad impermeabilizzare il terreno. La copertura va eseguita con una geomembrana impermeabile in polietilene che, dopo essere stata stesa e sormontata viene saldata a doppia pista. Siamo attrezzati con macchine idonee per la saldatura di queste coperture e abbiamo operatori provvisti dell’apposito patentino.